“KLIMT NEL SEGNO DI HOFFMANN E DELLA SECESSIONE”

DAL 24/03/12 AL 08/07/12 AL MUSEO CORRER (VENEZIA)

In occasione dei 150 anni dalla nascita dell’artista, Venezia ha deciso di omaggiare Gustav Klimt con una straordinaria mostra al Museo Correr in Piazza San Marco, prodotta dalla Fondazione Musei Civici di Venezia e dal Museo Belvedere di Vienna.
Verranno offerti ai visitatori non  solo un ciclo straordinario di dipinti dell’artista e di altri esponenti della Secessione, ma anche rari e preziosi disegni, mobili e gioielli di raffinata fattura, nonché sofisticate ricostruzioni degli ambienti, così da poter comprendere con chiarezza il legame che univa Klimt all’ambiente viennese e alle correnti internazionali, dal tardo simbolismo alle prime avanguardie.
Profondo fu anche il rapporto che legò l’artista a Venezia, fin dalla sua prima visita, risalente al 1899: qui rimase infatti profondamente colpito dagli splendidi mosaici di San Marco, così da trarne ispirazione per il suo “periodo d’oro”. A Venezia tornò anche in occasione della Biennale del 1910, nella quale espose la provocatoria “Salomé”, subito acquistata dalla città.
Il percorso della mostra si articola in  otto sezioni, per meglio definire le principali tappe del movimento secessionista, dagli esordi al suo massimo apice raggiunto con la collaborazione fra Klimt ed Hoffmann. I due erano infatti accomunati da una medesima visione dell’arte, intesa come “Gesamtkunstwerk”, ovvero come opera totale, secondo quanto già professato in precedenza da Wagner.
Tra le opere esposte, meritano particolare menzione: “Giuditta I” (1901) e la già citata “Salomé” “Giuditta II” (1909), in quanto per la prima volta riunite; l’eccezionale ricostruzione del “Fregio di Beethoven” (1902) con pannelli originali dell’artista, quintessenza del concetto sopra esposto di “Gesamtkunstwerk”.

TICKETS:

€ 16 (ridotto € 8), comprensivo di visita ai Musei Civici -> apertura 10-19 tutti i giorni

Articoli correlati:

About artutto